Passa ai contenuti principali

Cosa è un Holter ECG o EGC dinamico e come si legge

L'Holter ECG è un esame per monitorare l'attività elettrica del cuore.
Infatti l'Holter non è altro che un elettrocardiogramma registrato in un arco di tempo di 24 ore, in cui il paziente compie le attività giornaliere, così come è solito fare.

L'Hoter ECG serve a valutare  se è presente un'aritmia, a valutarne il tipo.
Esistono diversi tipi di Holter in base a cosa dobbiamo valutare:
ECG holter: monitoraggio attività elettrica nelle 24 ore
Holter pressorio: monitoraggio della pressione nelle 24 ore
EEG Holter monitoraggio dell'elettroencegfalogramma nelle 24 ore

QUANDO VIENE FATTO L'HOTLER ECG?

Viene fatto in casi in cui siano avvenuti precedenti episodi di:
  • cardiopalmo, cioè la percezione di avvertire il battito cardico;
  • sincopi o presincopi,cioè svenimenti
  • vertigini e vampate di calore
  • come controllo terapeutico in caso di aritmia
  • diagnosi di ischemia miocardica in pazienti con dolore toracico o in persone asintomatiche

COME VIENE FATTO UN HOLTER?

La registrazione viene fatta in 24 ore continuative, attraverso un dispositivo registratore ambulatorialedi elettrocardiogramma 24 ore che viene attaccato al bacino grazie ad una cintura elastica e gli elettrodi monouso  verranno posizionati nel torace.
Il dispositivo può essere usato in portatori di peace-maker.
Per avere buoni risultati chi porta l'holter deve cercare di non sudare, per non fare staccare gli elettrodi e per lo stesso motivo e anche perchè l'apparecchio non è impermeabile, non può fare la doccia

QUALI PATOLOGIE POSSONO ESSERE VISTE GRAZIE AD UN HOLTER ECG

Grazie all'Holter ECG è possibile verificare se sono presenti:
  1. extrasistoli atriali o ventricolari
  2. valutare la presenza di aritmie
  3. vedere se c'è in atto una cardiopatia ischemica
  4. spiegare la causa di na sincope


COME INTERPRETARE UN HOLTER

I risultati di un holter devono essere visionati da un cardiologo che daà la giusta risposta alle vostre domande.
In generale l'Holter ha lo scopo di valutare le aritmie e spesso dall'holter vengono estrapolati diversi risultati.
La frequenza cardiaca (FC) minima, media, massima: FC media, FC min e FC max

Il Bigeminismo indica che vi è un alternarsi di intervalli lunghi e brevi tra battiti cardiaci e spesso questo è duvuto ad extrasistoli.Questo può essere atriale o ventricolare.
Nel Bigeminismo c'è un'extrasistole ogni battito sinusale(normale ritmo cardiaco)
La sequenza di trigeminismo è un'extrasistole ogni due battiti sinusali
Il quadrigenismo si verifica quando c'è un'extrasistole ogni 3 battiti sinusali.

Quindi quando nel referto di un holter si legge ritmo sinusale durante tutto il periodo vuol dire che si è avuto il normale ritmo cardiaco durante tutto il monitoraggio dell'attività cardiaca.
Ablazione
Nel referto di un holder si può verificare una tachicardia sinusale che potrebbe essere correlata all'attività fisica, o avvenire durante il sonno.
Se c'è tachicardia ed il tipo di tachicardia , ad esempio potrebbe verificarsi una tachicardia sinusale o in rarissimi casi una tachicardia sinusale inappropriata.
Gli eventi atriali e gli eventi ventricolari
 potrebbe essere rilevato è la presenza di fibrillazioni atriali o ventricolari.

Possono essere rilevate delle extrasistoli ventricolari e sopraventricolari che variano nella frequenza
Tempi di conduzione AV e IV
In seguito all'esame Holter ECG verrà effettuata dal  cardiologo una diagnosi il quale valuterà se dare farmaci antiaritmici o proseguire con l'ablazione.


Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…