Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico, posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.
linfonodo ingrossato

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.
linfonodo inguinale ingrossato

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trovano nel Triangolo femorale: delimitato da legamento inguinale, m. sartorio e da m. adduttore lungo.

LINFONODI INGUINALI SUPERFICIALI drenano dai distretti:
  • Arto inferiore
  • Regioni lombari
  • Regione iliaca
  • Regione sacrale
  • Regione glutea
  • Vulva
  • Scroto
  • Pene
  • Ano
  • Perineo
LINFONODI INGUINALI PROFONDIdrenano dai distretti:
  • Glande 
  • Clitoride 
  • 1/3 inferiore vagina 
  • arto inferiore

I linfonodi possono ingrossarsi in quanto sono organi di difesa del sistema immunitari.
Se si hanno i linfonodi dell'inguine ingrossati da più di un mese bisogna valutare se i linfonodi siano ingrossati e doloranti o ingrossati e non doloranti.

Quali sono le cause dei linfonodi inguinali ingrossati?

Una prima causa è l' INFEZIONE VAGINALE.
Se in seguito alla cura dell'infezione, i linfonodi continuano ad essere gonfi ci si potrebbe preoccupare, anche se in seguito ad un'infezione vaginale i linfonodi inguinali potrebbero rimanere gonfi per un pò di tempo.
Infatti i linfonodi in seguito ad un'infezione si gonfiano presto, ma poi sgonfiano in maniera più lenta.

I linfonodi inguino-femorali possono essere ingrossati in maniera bilaterale in caso di CARCINOMA DELLA VULVA e si potrebbero avere i linfonodi inguinali bilateralmente palpabili.

Anche l' INFEZIONE DA CANDIDA, se non curata potrebbe dare il caratteristico linfonodo ingrossato.
La Candida è un micete normalmente preente nel nostro intestino, ma in caso di uso spropositato di antibiotici o abbassamento delle difese immunitarie può dare un'infezione vaginale.

Altra causa di linfonodi ingrossati sono alcune malattie virali come
  • MONONUCLEOSI
  • EPATITE C 
  • TOXOPLASMOSI
Possono causare linfonodi inguinali palpabili e ingrossati anche le MALATTIE SESSUALMENTE TRASMESSE come:
  • Sifilide
  • Uretrite da Clamydia
  • HERPES

Malattie autoimmuni  come il LES, Lupus eritematoso sistemico, possono causare linfoadenopatia con interessamento dei lindonodi dell'inguine.

ALLENAMENTO
L'allenamento può causare infiammazione muscolare che può fare aumentare le dimensioni del linfonodo dell'inguine.

Anche in caso di LESIONI DEGLI ARTI INFERIORI o IN SOGGETTI MOLTO MAGRI è probabile che si abbiano i  linfonodi ingrossati.

Quindi se i linfonodi sono reattivi non vuol dire avere linfonodi tumorali ma solamente  che è presente una patologia infiammatoria.

Altre infiammazioni che possono portare a tale problema sono PROSTATITEed ENTESITE

Quando c'è il sospetto di LINFOMA

Se si ha un linfonodo inguinale ingrossato, non ci si deve preoccupare subito per una diagnosi di linfoma, perchè come già visto sono diverse le patologie infiammatorie che possono provocarne l'aumento di volume.

Allora cosa ci fa venire il sospetto di linfoma?



  • Se il linfonodo aumenta con il tempo ,anziché diminuire
  • Se con l'ecografia, la dimensione è maggiore di 1 cm
  • Se ci sono contemporaneamente sintomi come febbre, sudorazione notturna, calo ponderale, epatomegalia e splenomegalia.
  • Se insieme ai linfonodi all'inguine si ingrossano anche i linfonodi del collo e e ascelle e di altri distretti; quindi nel caso di un'adenopatia generalizzata.
  • Se i linfonodi non sono dolenti 
  • In caso di linfonodi patologici, l'ecografia mostrerebbe un sovvertimento della struttura ecografica e potrebbero essere vascolarizazati. 
I linfonodi inguinali sono però raramente associati alla diagnosi di Linfoma.
Proprio perchè essi drenano una area vasta e sono spesso sede di infezioni ed infiammazione la probabilità che divantano grossi e siano palpabili è maggiore.

ESAMI DA FARE

Il medico di riferimento è l'ematologo.
Gli esami da effettuare sono:
  • Emocromo,VES, PCR,b2 microglobulina,azotemia, glicemia, LDH,AST e ALT, Creatinina IgG e IGM per Toxoplasmosi, Citomegalovirus, HSV, test per la mononucleosi,
  • MArkers epatite B e C
  • HIV
  • Sierodiagnosi per Lue e VDRL
  • S-Ab anti Ena e S-Ab anti Ena SSA
  • SSB, Sm, RNP, Scl-70,JO1)  
  • Test "doppia MAntoux"
  • Rx torace in due proiezioni
  • Fare un'ecografia loco-regionale, ecografia inguinale bilaterale
  • Tampone faringeo e nasale
  • Rx ortopanoramica per localizzazioni cervicali
  • videocapillaroscopia
  • fare biotipizzare il linfonodo; non ha però senso fare la biopsia di un linfonodo reattivo


I linfonodi possono ingrossarsi anche per una semplice infezione vaginale e non sempre si sgonfiano in breve tempo.
In ogni caso rivolgersi sempre al medico e non fare mai un'autodiagnosi.