Passa ai contenuti principali

Rischi della dieta vegana

Oggi sono sempre di più le persone che si dichiarano vegane e che hanno rinunciato a ogni prodotto di origine animale, per scelta etica e non solo alimentare. Infatti, veri vegani non cambiano solo la loro alimentazione, ma evitano anche di acquistare prodotti che contengono ingredienti e componenti animali.
Dieta vegana

Mentre l’acquisto di prodotti e oggetti senza derivati animali non comporta alcun rischio, seguire una dieta vegana potrebbe comportarne alcuni. Infatti, coloro che seguono una dieta vegana eliminano dalla loro alimentazione tutti i componenti di origine animale come: uova, latte grassi e derivati degli animali, pesce e naturalmente la carne.
La dieta vegana dunque prevede un regime alimentare al quanto restrittivo che nonostante ciò sta ottenendo sempre più successo e seguaci. Sicuramente mangiare frutta e verdura, legumi, semi, cereali e grassi vegetali fa bene, e permette di disintossicare il corpo e l’organismo.
Come tutte le diete e i regimi alimentari estremi però anche la dieta vegana può avere delle controindicazioni e dei rischi. Vediamo insieme, quali sono i principali.
I rischi della dieta vegana
In genere quando si sceglie di seguire un’alimentazione diversa dal solito si dovrebbe innanzi tutto chiedere un consulto al proprio medico o meglio ancora a un nutrizionista.

Infatti, la dieta vegana va ad eliminare dalla piramide alimentare molti alimenti che invece, mangiati in quantità moderate, permettono al nostro organismo di funzionare meglio.

Mangiare troppa carne e grassi animali, come ben sappiamo fa male, al contempo però anche non assumerne affatto per lunghi periodi potrebbe comportare delle carenze alimentari. Mentre le proteine simili a quelle delle carne, i vegani possano assumerle con i legumi e altri alimenti proteici di origine vegetale, gli amminoacidi sono del tutto assenti in una dieta vegana.
Gli amminoacidi che permettono la formazione delle catene proteiche, migliorano la muscolatura e ci permettono di essere più energici e sani, sono contenuti esclusivamente negli alimenti di origine animale. Quindi eliminando questi alimenti, vuol dire anche non permettere al corpo di ottenere gli amminoacidi necessari al funzionamento dell’organismo.
A lungo andare questa carenza porta a disturbi del sonno, insorgere di ansia e depressione e problemi di memoria. Per evitare questi problemi i vegani devono assumere regolarmente degli integratori a base di amminoacidi essenziali.

Oltre agli amminoacidi, le altre carenze portate dal regime alimentare vegano interessano la vitamina B12 (molto importante per la crescita dei capelli, la lucidità mentale, energia, e specialmente per le donne). Ma anche a carenze di Sali minerali come calcio e zinco, vitamina D e riboflavina. Infine, si assumono in genere pochi acidi grassi che migliorano la salute dell’organismo come gli Omega 3 e Omega 6 contenuti principalmente nel pesce, e nella frutta secca (peccato che un eccesso di frutta secca, può innalzare il colesterolo e causare un aumento di peso.
Le carenze alimentari della dieta vegana possono essere sopperite da vitamine e integratori, a patto che vi sia un nutrizionista volto al controllo del regime alimentare. Inoltre, i dottori sconsigliano questa dieta a tutti i bambini e alle donne in gravidanza.










Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…