Passa ai contenuti principali

Quali sono le cure per gli emangiomi infantili?

Quando si parla di emangiomi infantili si fa riferimento a dei tumori vascolari benigni, molto frequenti nei bambini. Si manifestano attraverso una macchiolina rossa che si espande in maniera rapida e che compare in genere dopo poche settimane di vita.
Anche se possono comparire in qualsiasi zona del corpo, in particolare sono localizzati sulla testa e sul collo. Gli emangiomi infantili sono caratterizzati da una rapida crescita iniziare cui segue un periodo di stabilizzazione per terminare poi con una lenta regressione.
Emangiomi

Cure farmacologiche

Quando compaiono delle macchie sulla pelle del neonato, è necessario rivolgersi ad un pediatra affinché esamini la situazione con la dovuta attenzione.
Per diagnosticare un emangioma infantile basta osservare esternamente la macchiolina. In alcuni casi però potrebbe rendersi necessario il ricorso ad esami specifici ed approfonditi.
Per maggiori informazioni si può consultare l’articolo su www.emangioma.net .
Gli emangiomi infantili benigni non necessitano di cure particolari dato che regrediscono in maniera assolutamente spontanea con la crescita.
Talvolta però si rende necessario seguire una terapia specifica. In passato venivano somministrati famaci a base di cortisonici, allo scopo di ostacolare la proliferazione e favorire così la regressione: ciò però esponeva il paziente ad effetti collaterali.
Recentemente è stata fatta un’importante scoperta con l’introduzione del PROPRANOLOLO 3.75mg/ml soluzione orale.
Si tratta di un beta-bloccante molto efficace in quanto blocca la crescita degli emangiomi.
Gli effetti di tale farmaco sono visibili già a distanza di 48 ore dalla prima somministrazione: il colore dell’emangioma diviene subito più pallido e le dimensioni si riducono tempestivamente. La terapia ha, in genere, una durata di almeno 6 mesi, ma in genere si prosegue per un tempo maggiore per evitare il rischio di recidive.

Interventi chirurgici

Oltre alla cura farmacologica, è possibile anche intervenire chirurgicamente. Si ricorre a tale opzione nel caso in cui i medicinali non producono gli effetti desiderati e nel caso in cui si può ottenere un ottimo risultato estetico attraverso la chirurgia.
Spesso capita che gli emangiomi creino dei problemi ai bambini da un punto di vista psicologico.
La medicina offre dei trattamenti in grado di ovviare al problema come il laser che blocca l’accrescimento ed aiuta ad asportarli o a curare eventuali piaghe che restano sul corpo del piccolo.
In ogni caso è opportuno valutare per quale soluzione optare con il medico curante. In particolare occorre trattare gli emangiomi infantili in ipotesi specifiche e cioè in caso di emangiomi ulcerati, con danno funzionale o con danno estetico permanente. Prima di decidere di trattare un emangioma occorre però considerare diversi fattori quali dimensioni, sede, età, disagio estetico e psicologico.











Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica. In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare. Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche. Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi  La Gliosi è una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti. La gliosi non è però così rara. In realtà molte volte la risonanza magnetica eviden

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa , potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi. Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza. Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale . A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta, prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas. Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale

Gamma GT alti: come abbassarlo?

CHE COSA SONO LE GGT E COSA SIGNIFICA GGT La parola Gamma-glutamil transferasi (GGT) è un enzima che appartiene alla classe delle trasferasi ed è situato sulla superficie esterna delle membrane di varie cellule.   La localizzazione del gene che trascrive per la gamma gt si trova nel cromosoma 22. La Gamma Gt catalizza la reazione di transpeptidazione con formazione di un dipeptide contenente l'aminoacido trasportato, reazione che fa parte del ciclo del gamma-glutamile. La GGT  è una glicoproteina dimerica ed è presente in tutte le cellule, ad eccezione degli eritrociti.   La GAMMAGT si trova  principalmente dal fegato, e nei tubuli renali, così come quelli della fosfatasi alcalina. L'attività della gammagt avviene principalemente in tessuti con funzione secretoria   funzione assorbente come reni, sistema biliare, intestino e epididimo .   La scissione di glutatione-principale antiossidante tiolo nell'uomo-è la più importante funzione del GGT .  Il glutation