Lattico deidrogenasi alte e valori di riferimento

 La lattato deidrogenasi (LDH o latticodeidrogenasi) è un enzima citoplasmatico con un'ampia distribuzione nei tessuti.
I livelli di LDH totale aumentano sensibilmente in tutte le situazioni in cui si produce un generico danno tissutale.
 La presenza di LDH isolati molto elevati è solitamente un indice aspecifico ma potrebbe anche significare la presenza di una grave malattia di base, per lo più carcinoma metastatico, neoplasie ematologiche e infezioni.
Inoltre l' LDH viene utilizzato come marker per le principali complicazioni in ospedale ed è un predittore indipendente di mortalità nei pazienti con malattia.

Cos'è l'LDH?


LDH catalizza la conversione di piruvato in lattato metabolita finale della glicolisi, che in assenza di ossigeno produce lattato.
 Quindi un aumento della lattico deidrogenasi potrebbe favorire un accumulo nei tessuti di lattato , che viene prodotto quando le cellule sono ipossiche (basso contenuto di ossigeno).
Quindi l'LDH o lattico deidrogenasi, è un enzima che viene liberato nella circolazione quando le cellule muoiono.


L'LDH è presente in molti tipi di organi e tessuti in tutto il corpo, inclusi fegato, cuore, pancreas, reni,muscoli scheletrici, tessuto linfatico e cellule del sangue.

Ci sono 5 isoforme di LDH,chiamate isoenzimi, che si trovano nei vari tessuti.
Gli isoenzimi di LDH sono LDH-1, LDH-2, LDH-3, LDH-4 e LDH-5.

LDH1 e LDH2: valori elevati associati all’infarto del miocardioe preseti in eritrociti, rene e polmoni.

LDH5: rilasciata in circolo in numerose epatopatie (epatiti, cirrosi, congestione epatica)

LDH2, LDH3, LDH4: livelli elevati in caso di formazioni neoplastiche voluminose e metastatiche (dovute all’aumento di metabolismo delle cellule tumorali ed al loro rapido turnover).
L'LDH3 è presente in milza, pancreas, tiroide e linfonodi.
LDH4 e LDH5 in fegato e muscoli scheletrici
Quindi, in caso di LDH elevato,  una misurazione della frazione enzimatica ci permette di individuare l'organo colpito da ipossia.


L'LDH quindi, è un importante marker di danno tissutale.

Quando l'LDH è alto?




La misurazione della lattico deidrogenasi può essere richiesta in molte situazioni , tra cui per la ricerca di malattie del cuore, dei polmoni, del fegato delle cellule del sangue e del rene.
E' anche un indice per il monitoraggio dell'attività di cancro, in particolare i linfomi.
Ma la lieve elevazione dell'LDH senza un quadro clinico sintomatologico di riferimento, è priva di significato.

Se un prelievo è fatto male si possono avere artefatti dovuti ad emolisi.
Si ha infatti un aumento dell'LDH dovuto all'emolisi dei globuli rossi , in quanto negli eritrociti la sua concentrazione di LDH è 200 volte quella sierica.

Un aumento massiccio dell'LDH si puo' verificare in molte condizioni patologiche che vanno dalle epatiti alla cirrosi, itteri di tipo emolitico, nell'infarto miocardico, in molte patologie polmonari fino alle neoplasie.
In generale,quando una malattia o un infortunio danneggiano le cellule, l'LDH viene rilasciato nel flusso sanguigno, facendo aumentare il livello di LDH nel sangue.
Al contrario livelli di LDH  bassi si verificano raramente e di solito non sono considerati dannosi.


L' LDH è elevato


  • 3-5 giorni dopo un attacco di cuore acuto ( infarto del miocardio)In realtà adesso si usa la troponina come indicatore di attacco di cuore, che è più specifico rispetto all'LDH.
  • in caso di linfoma .
  • problemi al fegato
  • dolore addominale
  • Mononucleosi nei giovani 
  • patologie epatiche
  • patologie cardiache
  • muscolari
  • insufficienza renale
  • ematologiche 
  • ictus
  • distrofia muscolare
  • pancreatite 
  • sepsi e shock settico
  • uso di farmaci come anestetici, dicumarolici, nitrofurantoina
  • uso di  biguanidi e alcoli 
  • insufficienza cardiopolmonare
  • sindrome da shock dengue (DSS)

Poiché LDH dà un'idea del livello di massa del tumore, l'aumento di LDH nel corso della malattia può riferirsi all'aumento dei livelli di tumore, recidiva o all'esistenza di plasmocitomi extra

Livelli elevati di LDH si osservano raramente all'insorgenza del mieloma multiplo; tuttavia, man mano che la malattia progredisce, i livelli di LDH aumentano a livelli più alti di quelli alla diagnosi .


In casi di anemia falciforme si ha aumento dell'enzima l'LDH.




Nei pazienti oncologici, i livelli sierici di lattato deidrogenasi (LDH) sono spesso aumentati, e il gene per uno dei suoi isoenzimi, LDHA, è sovraregolato.

LDH è up-regolato in tumori maligni ginecologici e della mammella e in un sottogruppo di condizioni benigne come fibro- e cistoadenoma.

I livelli di LDH sono spesso utilizzati durante il trattamento di alcuni tumori per prevedere i risultati e monitorare la risposta del corpo ai farmaci.


Alti livelli di LDH nel sangue indicano quindi danno cellulare acuto o cronico, ma sono necessari ulteriori test per scoprirne la causa.

Quali sono i valori di riferimento dell'l'LDH?


Valori di riferimento: LDH totale sierica 313-618 UI/L


Valori ematici normali (100-200 UI/l)


Quindi un lieve aumento dell'LDH, senza un quadro clinico specifico, non deve essere considerato come predittore di malattia.
Al contrario un LDH molto alto,se associato a sintomi renali, polmonari o cardiaci potrebbe destare sospetto e in questo caso si potranno dosare gli isoenzimi dell'LDH per valutare quale sia l'organo colpito da ipossia.
In caso di malattia conclamata, l'LDH è un valore molto importante, perchè un suo aumento è un predittore negativo di malattia.