Passa ai contenuti principali

Togliere un succhiotto velocemente è possibile?

COS'E' UN SUCCHIOTTO




Un succhiotto è una pratica comune tra coppie, in cui si applica una forte aspirazione in zone della pelle come collo o glutei fino ad evidenziare una macchia violacea.
Un succhiotto potrebbe portare a segni di suggellazione,piccole ecchimosi, che lasciano un livido causato dalla rottura dei capillari.
L'ecchimosi è data da un'azione contusiva che provoca la lacerazione dei tessuti sottocutanei, ma senza rompere la cute e che porta ad una lieve perdita ematica sottocutanea per rottura di capillari o di piccoli vasi.
Si viene coì ad evidenziare una macchia rosso- violacea, per trasparenza.
Le ecchimosi che vengono prodotte per  suzione della cute creano dei segni di suggellazione che si chiamano succhiotti.
Il colore dell'ecchimosi o ematoma da succhiotto varierà in base al tempo trascorso a causa delle modificazioni dell'emoglobina.

DOPO QUANTO PASSA UN SUCCHIOTTO

Il colore iniziale del succhiotto sarà rosso-viola, dopo qualche minuto diventerà rosso-bluastro, dopo un paio di ore diventerà  violaceo, blu, dopo 5-6 giorni diventerà verdastro , dopo 8 nove giorni diventerà giallastro.
La   scomparsa di un succhiotto avviene dopo circa 12-15 giorni.
Quindi lividi e succhiotto sono due termini inevitabilmente correlati. 
E' quindi difficile accelerare la guarigione di un succhiotto, perchè è un percorso di guarigione del nostro corpo in cui le tappe non possono essere saltate, a meno che non si intervenga subito.

RIMEDI PER ELIMINARE UN SUCCHIOTTO

La prima cosa da fare così come per qualsiasi ematoma, è quello di  mettere del ghiaccio nella zona in cui è presente il succhiotto ed applicare un leggero massaggio.
Applicare il dentifricio sul succhiotto, sembra accelerare il processo di guarigione del succhiotto.
Anche applicare il limone sul succhiotto sembra ridurre l'ematoma da succhiotto.
Al limone si può aggiungere un pò di crema alla calendula.
Se non è stato possibile intervenire subito ci sono metodi se non per eliminare il succhiotto, almeno per mascherarlo.
E' comunque possibile mascherare un succhiotto con un buon fondotinta che dovrà essere utilizzato in tutta la faccia ed il collo per non evidenziare differenze e con una sciarpa si potrà in qualche modo "eliminare un succhiotto dal collo".

I SUCCHIOTTI SONO PERICOLOSI?

Ho trovato in internet due storie , una di un ragazzo di 17 anni del Messico morto per un succhiotto e ed una di una donna di 44 anni colpita da ictus e paralisi parziale in seguito ad un succhiotto, che ha causato un coagulo che ha poi causato l'ictus.
In internet però non sempre tutto quello che si legge è vero. e spesso il tutto viene esagerato, quindi non si può sapere con certezza se queste storie siano vere, ma se così fosse sono casi rari, magari dovuti ad altre patologie concomitanti presenti o dovuti a  semplice predisposizione alla formazione di coaguli o a danni dei vasi sanguigni.

Infatti, il succhiotto agisce solo sulle strutture superficiali e difficilmente l'effetto si trasmette a livello profondo, a meno che oltre il succhiotto non venga aggiunto un morso, che può invece essere più traumatico ed avere effetti maggiori.
L'unico effetto a lungo termine potrebbe essere quello estetico; infatti alcuni succhiotti potrebbero rimanere nella pelle anche per anni e devono essere sottoposti a parere dermatologico.
Inoltre in seguito ad un succhiotto possono insorgere delle teleangectasie, ovvero la dilatazione di piccoli vasi sanguigni superficiali che divengono visibili oltre l'epidermide e rimangono per molto tempo.



CONCLUSIONE

Tornando quindi alla domanda del titolo, togliere un succhiotto velocemente è possibile, la risposta dipende in realtà non è possibile eliminare totalmente gli effetti di un succhiotto, ma agendo subito si può ridurre l'ecchimosi o ematoma da succhiotto che si crea e quindi mascherare il succhiotto più facilmente.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica. In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare. Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche. Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi  La Gliosi è una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti. La gliosi non è però così rara. In realtà molte volte la risonanza magnetica eviden

Gamma GT alti: come abbassarlo?

CHE COSA SONO LE GGT E COSA SIGNIFICA GGT La parola Gamma-glutamil transferasi (GGT) è un enzima che appartiene alla classe delle trasferasi ed è situato sulla superficie esterna delle membrane di varie cellule.   La localizzazione del gene che trascrive per la gamma gt si trova nel cromosoma 22. La Gamma Gt catalizza la reazione di transpeptidazione con formazione di un dipeptide contenente l'aminoacido trasportato, reazione che fa parte del ciclo del gamma-glutamile. La GGT  è una glicoproteina dimerica ed è presente in tutte le cellule, ad eccezione degli eritrociti.   La GAMMAGT si trova  principalmente dal fegato, e nei tubuli renali, così come quelli della fosfatasi alcalina. L'attività della gammagt avviene principalemente in tessuti con funzione secretoria   funzione assorbente come reni, sistema biliare, intestino e epididimo .   La scissione di glutatione-principale antiossidante tiolo nell'uomo-è la più importante funzione del GGT .  Il glutation

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa , potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi. Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza. Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale . A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta, prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas. Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale