Passa ai contenuti principali

Il Bluetooth fa male?

Già da molti anni , con l'avvento dei primi smartphone si è cercato di capire se le radiazioni provenienti dai cellulari siano dannose per la salute.
">
Tra gli scienziati si è accesa una discussione che non ha però trovato una risposta assoluta a questa domanda.

L'energia elettromagnetica comprende a frequenza estremamente bassa (ELF), le radiazioni a microonde, i raggi X e raggi gamma.I campi ELF sono pericolosi per la salute umana e sembrano essere 'possibilmente cancerogeni'.
 Le frequenze comuni in materia di spettro elettromagnetico includono:
  • Electric Power 60 Hz
  • radio AM 1 MHz
  • radio FM 100 MHz
  • I telefoni cellulari 800-2200 MHz •
  • Forni a microonde 2450 MHz
  • Raggi X, più di 1.000.000 MHz

I raggi X, frequenze estremamente elevate, sono radiazioni ionizzanti e possono causare gravi danni al tessuto umano e danneggiare il materiale genetico delle cellule perche riescono a  rompere i legami chimici.L'energia emessa dal range delle microonde usati per i telefoni cellulari non sembra avere abbastanza potere per rompere i legami chimici; per questo motivo hanno chiamato radiazioni non ionizzanti.La radiazione generata da cellulari vengono prodotte  nel trasmettitore, ed emesse attraverso l'antenna in forma di onde radio; le frequenze di queste onde radio rientrano nella gamma delle basse frequenze a microonde.



Considerato che l'uso dei telefoni cellulari avviene vicino alla testa, questa radiazione può penetrare più facilmente  nel cervello.Inoltre, la nuova generazione di telefoni cellulari presentano  più tipi di radiazione:
  •  "Time Division Multiple Access" (TDMA), usato per aumentare il numero di persone che possono comunicare simultaneamente con una stazione base; TDMA  si traduce in una bassa frequenza continua pulsante a 8 a 34 Hz.
  •  C'è una terza frequenza più bassa che pulsa a 2 Hz quando l'utente è in ascolto e non  parla

La tecnologia attuale è in realtà molto più pericolosa in questo senso rispetto ai modelli precedenti analogici.

La radiazione a microonde ad alta frequenza penetra il corpo e le molecole esposte iniziano a muoversi e si scontrano tra di loro generando calore . 
 Questo è noto come "effetto termico", che può causare gravi, danni irreversibili ai tessuti umani, specialmente ad organi meno vascolarizzai come organi genitali e gli occhi, i quali disperderanno con maggiore difficoltà il calore creato, con possibili gravi conseguenze.
Le microonde GSM sono più pericolose nei bambini preadolescenti; infatti l'assorbimento delle microonde GSM è maggiore in un oggetto delle dimensioni di testa di un bambino, a causa dell'effetto "testa risonanza" ed è più facile che penetri nel cranio più sottile di un bambino rispetto a quello di un adulto.Inoltre, questo tipo di radiazioni colpiscono principalmente il sistema immunitario dei bambini; quindi sono più suscettibili alle malattie di ogni genere.


Può l'uso del bluetooth ridurre il rischio di cancro?

L'autore dell'articolo "Effetto di auricolare Bluetooth e telefono cellulare campi elettromagnetici sul nervo uditivo umano" ha cercato di capire se l'uso del Bluetooth può ridurre l'incidenza di malattie come l'astrocitoma, il glioma e il neuroma acustico.L'esposizione diretta ai campi elettromagnetici emessi dal terminale mobile provoca il deterioramento del potenziale di azione diretta del nervo cocleare (CNAPS).In questo studio, i potenziali di azione, sono stati registrati da un elettrodo posti direttamente sul nervo uditivo e, attraverso il loro monitoraggio, è stato possibile avere in tempo reale informazioni sull'attività della coclea e nervo cocleare dopo esposizione.

La questione era se il campo elettromagnetico generato dal telefono cellulare viene ridotta utilizzando un dispositivo Bluetooth collegato al terminale mobile.

 L'indagine è stata condotta su dodici pazienti affetti da Meniere che subiscono neurectomia vestibolare, che costituisce la pratica chirurgica di scelta per il trattamento dei casi più gravi di malattia di Meniere. I pazienti sono stati esposti a entrambi i campi elettromagnetici generati sia dai telefoni cellulariche dal dispositivo Bluetooth e, sono stati registrati i potenziali generati sul nervo acustico.I risultati sono stati che:
i campi elettromagnetici prodotti dal dispositivo Bluetooth non provocano alcun effetto a breve termine sulle strutture nervo uditivo a differenza l'azione del telefono cellulare.Inoltre, aumentando la distanza tra il telefono e l'orecchio del paziente, gli effetti dipendenti del nervo cocleare diminuiscono notevolmente .Considerando questi risultati, è quindi possibile affermare che l'uso di un dispositivo Bluetooth collegato al terminale mobile in una tasca , è una buona alternativa in termini di utilizzo di un solo sicurezza del telefono.



Bibliography

  • Effect of bluetooth headset and mobile phone electromagnetic fields on the human auditory nerve
  • https://www.energpolarit.com/uploads/File/cell_phone_dangers_report.pdf

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…