Passa ai contenuti principali

Ipertenensione e alimentazione sono spesso correlate


Nell'uomo si parla di ipertensione arteriosa quando i valori della pressione superano i 140 mmHg per la massima ed i 90 nmmHg per la minima.


Ipertensione

L'ipertensione rappresenta una situazione molto pericolosa perché inizialmente potrebbe non esserci nessuna sintomatologia e quindi spesso ci si accorge tardi di avere questo problema.
Alcune persone potrebbero anche scambiare i sintomi della pressione alta con quelli della pressione bassa, ad esempio i giri di testa..

L'ipertensione può essere:
primaria o essenziale, forma più diffusa e caratterizzata da familiarietà e quindi trasmessa per via ereditaria
secondaria ad altre patologie(ipertensione renale, causata da un tumore il feocromocitoma, o da una forma di iperaldosterodismo).
Le complicanze dell'ipertensione possono coinvolgere:
  • cuore (causando un'insufficienza ventricolare sinistra)
  • rene
  • sistema nervoso centrale(causando soprattutto fenomeni di ictus
  • occhio(causando alterazioni retiniche)
Per evitare di incorrere in questi problemi è necessario utilizzare degli opportuni misuratori di pressione arteriosa.
E' necessario curare fin da subito l'ipertensione sia attraverso le medicine adatte al nostro tipo di ipertensione (rivolgersi sempre ad un medico) ma anche modificando il nostro stile di vita.
E' infatti necessario iniziare a fare attività fisica (attività leggere tipo camminata di mezz'ora al giorno), evitare alcol, e mangiare sano.


Ci sono diversi cibi che sembrano avere proprietà anti-ipertensive e che usate quotidianamente possono complementare i medicinali nella lotta contro l'ipertensione.

Quali sono i cibi per abbassare la pressione?

Primo fra tutti l'aglio:
L'aglio infatti sembra contenere l'allicina che sembra avere la capacità di rendere più fluido il sangue, abbassare la pressione e ridurre il colesterolo.

Altri alimenti sono quelli ricchi di vitamina c che allentano le arterie, sottoposte a tensione e svolgono un'azione diuretica, diminuendo così il volume sanguigno e conseguentemente la pressione e tra questi Arance, limoni, fragole e kiwi

Alimenti ricchi di calcio come verdure verdi, carciofi,broccoli,legumi (ceci,soia,lenticchie), latte e derivati, avena e mandorle proteggono il cuore

Alimenti ricchi in potassio minerale indispensabile per l'attività cardiaca e presente in grande quantità nelle banane.

Alimenti ricchi di acidi grassi essenziali: pesce azzurro, noci, olio d’oliva, di soia , di lino.
Sia gli omega3 che gli omega6 riducono i livelli di colesterolo cattivo (LDL), e prevengono l’ostruzione delle arterie, facilitando così il flusso sanguigno.

Alimenti che contengono antiossidanti: tra questi il pomodoro,Cioccolato fondente e tè verde(ricchi in polifenoli)

La cipolla grazie ad una elevato contenuto di acqua favorisce la funzione depurativa dell’organismo, inoltre regola anche la glicemia nel sangue, il colesterolo, i trigliceridi.

Cereali, fagioli e soia contengono, come l'acido glutammico, in grado di abbassare la pressione arteriosa massima.
Finocchio, prezzemolo, rosmarino: abbassano la pressione arteriosa come l'aglio e la cipolla
Bisogna inoltre bandire dalla nostra dieta bevande come Caffè o tè la presenza di caffeina può far salire momentaneamente la pressione (di almeno 15 mmHg), quindi i soggetti ipertesi dovrebbero ridurre il consumo di queste bevande soprattutto al mattino, momento de giorno in cui l’ipertensione raggiunge il suo picco.
Ridurre inoltre il sale che provoca ritenzione idrica e condire preferibilmente i nostri cibi con spezie come rosmarino origano, etc.


Un recente studio ha inoltre attribuito proprietà anti-ipertensinve all'anguria.
Infatti sembrerebbe che l'anguria contenga L-citrullina, che è strettamente legata alla L-arginina, aminoacido necessario per la formazione di ossido nitrico ed essenziale per la regolazione del tono vascolare e della pressione arteriosa”.Una volta assorbita, la L-citrullina viene convertita in L-arginina.
Oltre ai vantaggi vascolari dovuti alla citrullina, l’anguria fornisce vitamina A, B6, C, fibre, potassio e licopene, un potente antiossidante, e può anche contribuire a ridurre i livelli di glucosio nel siero.




Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…