Passa ai contenuti principali

INTEGRATORI PER DIMAGRIRE

Gli integratori alimentari sono dei prodotti specifici volti a favorire l'assunzione di determinati principi nutritivi non presenti negli alimenti di una dieta non corretta.
Gli integratori non hanno proprietà curative, ma servono a integrare una normale dieta, completandola e per tale motivo non bisogna farne abuso.

Sono diversi i tipi di integratori ma quelli su cui ci soffermeremo oggi sono gli integratori utilizzati per perdere peso e quindi integratori spesso sostitutivi del pasto.

Gli integratori sono  prodotti a basso contenuto calorico, che vengono solitamente assunti per tenere il peso corporeo sotto controllo, eliminando il normale pasto e sostituendolo con bevande o altri prodotti contenenti l'esatta razione giornaliera di principi nutritivi.
Di seguito una tabella con i diversi integratori.





INTEGRATORI PER
DIMAGRIRE
MECCANISMO D'AZIONE PRINCIPALI EFFETTI COLLATERALI DA ABUSO
Gambo d'ananas
(bromelina)
Papaina
Contengono enzimi digestivi vegetali che facilitano la digestione delle proteine. Gli effetti collaterali sono limitati (problemi digestivi, ipermenorrea); scarsa è anche la loro efficacia dimagrante.

Efedrina
Pseudoefedrina
Sinefrina
Caffeina
Teobromina
Questi integratori alimentari stimolano la termogenesi. Dipendono da dose e sensibilità individuale. Ad alte dosi determinano palpitazioni, tachicardia, ipertensione, insonnia, irritabilità, emorragia cerebrale, ansia, cefalea, allucinazioni, gastrite, diarrea, dispnea.

Guaranà
Tè verde
Tè nero
Tè oolong
Arancio amaro
Mate (yerba mate)
Cola
Questi integratori per dimagrire stimolano la termogenesi in maniera più blanda rispetto ai princìpi attivi nervini da essi isolati. Come sopra.

Fucus
Iodio
Laminaria
Stimolano la tiroide a produrre più ormoni. Tachicardie, aritmie, alterata funzionalità della tiroide, insonnia.

Carnitina Favorisce l'ossidazione degli acidi grassi a lunga catena all'interno del mitocondrio. Rari, dovuti perlopiù ad ipersensibilità individuale alla sostanza: difficoltà ad addormentarsi quando 'acetil carnitina viene assunta poco prima del riposo notturno, disturbi digestivi, malessere, tachicardia ed ipertensione.

Diuretici naturali
Verga d'oro
Questi integratori fanno perdere peso aumentando la diuresi, ma non promuovono la perdita di grasso. Per questo non possono essere considerati integratori dimagranti. Perdita di sali minerali, disturbi addominali, ipotensione, disidratazione. Non fanno dimagrire!

Chitosano
Guar, gomma di guar
Crusca
Chitosano
Psillio
Agar agar
Gomma Karaya
Glucomannano
Faseolamina
Carragenina
Mucillagini
Cellulosa
Carragenina
Semi di lino
Stimolano il senso di sazietà e rallentano la digestione e l'assorbimento dei nutrienti. Spesso, questi integratori per dimagrire sono consigliati anche nel controllo delle iperlipidemie, del diabete e della stitichezza. Disturbi gastrointestinali, tra cui meteorismo, crampi addominali e flatulenza; ridotto assorbimento di alcuni minerali importanti per la salute dell'organismo. Devono essere assunti insieme ad abbondanti quantità di acqua. Questi integratori per dimagrire sono controindicati in presenza di ostruzione intestinale o stenosi esofa

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…