Passa ai contenuti principali

Il fabbisogno energetico in gravidanza

Il fabbisogno energetico in gravidanza

Durante il periodo della gravidanza è necessario mangiare al meglio e come dicevo in un altro post senza necessariamente mangiare per due.
I cambiamenti nei fabbisogni nutrizionali servono non solo per lo sviluppo del feto ma anche per preparare la donna al successivo allattamento.
Forse molti di voi non sanno che il peso neonatale è direttamente correlato,oltre
che con l’incremento di peso della donna durante la gravidanza,anche con l’IMC della donna all’inizio della gestazione. Ciò implica che l’incremento di peso delle gestanti deve essere determinato in funzione all’ IMC pre-gravidanza (ricordo che l'IMC si può ottenere facendo un semplice calcolo: peso/(altezza*altezza).
E’ quindi importante sottolineare che le donne sottopeso all’inizio della gravidanza necessitano di quantità di energia superiori a quelli delle donne che iniziano la
gravidanza in condizioni di peso ottimale o in sovrappeso

Se l' IMC iniziale è tra 18,5-24,9 si dovrà avere un aumento ponderale variabile 
da 9 a 16,5 kg
Se l'IMC iniziale è minore di 18.5 si dovrà avere un aumento ponderale variabile
 da 12,5 a 18 kg (0,5 kg /sett 2°e 3°trim)
Se l' IMC iniziale è maggiore di 25 si dovrà avere un aumento ponderale variabile 
da 7 a11,5 kg
In particolare è necessario notare che
  • Nel I trimestre non si dovrebbe avere nessun incremento;
  • Nel II trimestre si dovrebbe avere un incremento di circa 340 kcal/die
  • Nel III trimestre si dovrebbe avere un incremento di circa 453 Kcal/die
Il peso del neonato è poco influenzato dall’assunzione energetica materna; in caso di
deficit calorico il feto è protetto a spese della madre.

Bisogna notare inoltre che in gravidanza c'è un aumentato fabbisogno proteico (la raccomandazione è quella di un incremento giornaliero di 6 g/die).
Durante la gravidanza gli acidi grassi essenziali( i grassi contenuti nel pesce) ed i loro derivati svolgono un ruolo importante per l’unita feto-placentare; pertanto una adeguata assunzione è importante per l’accrescimento fetale.

Fabbisogno di vitamine in gravidanza:
Vitamina B12: 2,2 μg/die (contenuta in alimenti di origine animale)
acido folico: 400 μg/die ma non deve superare 800-1000 μg/die(contenuto in fegato, vegetali a foglia larga, lievito, legumi,frumento integrale)
Fabbisogno di Sali minerali
Ferro: 30 mg/die (La copertura di ferro è garantita dal consumo dicarne (compresa quella bianca) e pesce)
Iodio: 175 μg/die (consumo di sale iodato,pesce – latte e uova)

Quindi una donna in stato gravidico deve mangiare sempre in modo sano apportando il giusto quantitativo di calorie, soprattutto nel primo trimestre in cui i chili presi servono esclusivamente per la madre e non per il bambino.
Bisogna bere molta acqua evitare dolci, evitare cibi fritti e carboidrati, non bere alcol e limitare il consumo di caffè, inoltre ridurre il sale aggiunto.
Posso consigliare di aumentare le proteine ed evitare grassi e carboidrati.
Una dieta tipo potrebbe essere:
colazione: una tazza di latte con fette biscottate e marmellata(evitare i biscotti e le bioscine)
spuntino:frutta o yogurt magro
pranzo: 70 gr pasta con verdure e una fetta di carne(o pollo o pesce)
spuntino:frutta o yogurt
cena: un fetta di carne(pollo, pesce, uova)seguita da un contorno di insalata(lattuga(pomodoro) o verdura

Molte di voi potrebbero pensare che in gravidanza tutto è lecito e non si ha voglia di seguire una dieta; in realtà gran parte delle donne prende più chili in gravidanza(che non sempre vanno via) che nel resto della vita. Quindi un po' di sacrificio ora gioverà per il resto della vita.
Comunque ogni tanto ci si può lasciare andare.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…