Passa ai contenuti principali

Rosacea:Alimentazione e cure naturali

La rosacea è un disturbo della pelle, soprattutto quella del viso, che si manifesta, di solito, con un rossore localizzato su naso, fronte e guance.
Rosacea alimentazione e cure naturali
Essa, soprattutto se diventa cronica, sebbene non abbia nulla di pericoloso e non sia affatto grave, può rappresentare un inestetismo fastidioso, ma è possibile tenerla sotto controllo con un'alimentazione adeguata e specifiche cure naturali.

ROSACEA: COS'E'

L'acne rosacea, o semplicemente rosacea, è una dermatosi a base infiammatoria che colpisce principalmente la parte centrale del viso formando sulla pelle eritemi, rossore diffuso e lesioni simili a quelle tipiche dell'acne. Interessa maggiormente gli adulti di età compresa fra i 30 e i 60 anni con carnagione chiara e predilige le donne rispetto agli uomini, con una incidenza più marcata dopo la menopausa.
Se non adeguatamente trattata e tenuta a bada, la rosacea tende a peggiorare nel tempo.

CAUSE

A tutt'oggi non si conosce una causa specifica della rosacea, ma si sa che essa dipende essenzialmente da un mix di fattori scatenanti di tipo genetico, infiammatorio ed ambientale.
In particolare, la rosacea viene favorita da:
  • alimentazione inadeguata (elevato consumo di cibi piccanti, speziati ecc.)
  • alcolici
  • sbalzi termici (troppo caldo e/o troppo freddo)
  • esposizione, specialmente se prolungata, al sole e al vento
  • situazioni di stress
  • eccessivo esercizio fisico
  • sauna e bagni in acqua troppo calda, specie se frequenti
  • menopausa
  • predisposizione genetica
  • disturbi microcircolatori
  • uso di alcuni farmaci (ad esempio i corticosteroidi)

ALIMENTAZIONE

La rosacea, per la quale non esiste una cura specifica, può tuttavia essere facilmente contrastata e ridotta con una alimentazione specifica e con rimedi naturali efficaci.
Per quanto concerne la dieta, attenetevi alle seguenti indicazioni.
Cibi sì:
  • acqua (bevetene almeno un litro e mezzo al giorno)
  • riso
  • frutta e verdure (tranne quelle indicate di seguito)
  • carne bianca (pollo, tacchino ecc.)
  • olio extravergine d'oliva (cercate di usarlo soprattutto a crudo)
  • noci
  • tisane ed infusi di frutta e verdure
  • patate bollite
  • pesce cotto al vapore e in umido
Cibi no (da evitare o mangiare "una tantum"):
  • spezie, intingoli, cibi piccanti, salse
  • tè e caffè
  • cioccolato
  • pomodori
  • piselli
  • fagioli
  • formaggi e latticini
  • avocado
  • agrumi
  • melanzane
  • alcolici
  • cibi e bevande troppo caldi e/o troppo freddi
In linea generale cercate di seguire un regime alimentare sano ed equilibrato, con pasti leggeri e digeribili.
Crema efficace per la rosacea

CURE NATURALI

E' stato ormai accertato che alcuni principi attivi estratti da carciofo, noci, cicoria, vite, pungitopo e rosmarino, risultano essere molto utili per combattere la rosacea: in erboristeria potete trovare prodotti ad uso topico (pomate, creme, gel) a base di tali ingredienti naturali da applicare localmente, che danno buoni risultati (soprattutto rinforzano i capillari migliorando la circolazione periferica).
L'estratto di Crysantellum Indicum è ottimo per contrastare, oltre ai segni sulla pelle, anche quelli agli occhi (in alcuni casi la rosacea può comportare congiuntivite e cheratite): chiedete consiglio e maggiori informazioni in merito in erboristeria o in farmacia.

TRATTAMENTI DERMATOLOGICI

I migliori trattamenti dermatologici attualmente disponibili contro la rosacea sono il laser vascolare e la luce pulsata.
Entrambi i sistemi, utilizzando la luce, riescono a penetrare nella pelle e a cauterizzare i vasi sanguigni.
Si possono effettuare varie sedute fino ad eliminare completamente i segni della rosacea, ma c'è da mettere in conto che essi, probabilmente, si riformeranno, costringendo a successive sedute.
FUMO
Il fumo, si sa, fa male a tutto e, tra l'altro, può contribuire a peggiorare i sintomi della rosacea.
Se fumate quindi, cercate di smettere o, almeno, di ridurre drasticamente il numero di sigarette giornaliero.

Quindi fare una vita sana combinata a trattamenti dermatologici mirati potrà contribuire a ridurre drasticamente la Rosacea.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…