Passa ai contenuti principali

Olive nere: quali sono i valori nutrizionali e i benefici?

Le olive sono una componente importante della dieta mediterranea.
Sono ricchi di molecole bioattive con proprietà nutrizionali, antiossidanti, antinfiammatorie o simili agli ormoni.

Ma quali sono le proprietà nutrizionali di queste bacche che le rendono tanto speciali?
Benefici olive nere

Innanzitutto vediamo quali sono i valori nutrizionali.
Una porzione di 100 grammi di olive nerecontiene 115 calorie, circa 1 grammo di proteine ​​e circa 13 grammi di grassi e 2 grammi di fibre. Il grasso nelle olive nere proviene principalmente da fonti di grassi monoinsaturi conosciuti per la loro capacità di ridurre il rischio di malattie cardiache, infarto e ictus.
Le olive sono inoltre  una buona fonte di ferro, vitamina E e rame. La vitamina E aiuta a proteggere il cuore e il rame ha molte funzioni nel corpo, tra cui crescita e sviluppo, utilizzo di ferro, crescita e manutenzione della pelle e dei capelli e produzione di energia.
Nonostante le proprietà benefiche delle olive nere che vedremo in seguito, data la sua quantità di grassi  e di sodio( cira 600 milligrammi di sodio per 100 gr di olive nere) è consigliabile ridurre la quantità per evitare aumento di peso-

BENEFICI  DELLE OLIVE NERE

Le attività biologiche sono dovute alla presenza di composti bioattivi unici nelle olivein principal modo a composti fenolici (come oleuropeina, idrossitirosolo, verbascoside e derivati), tocoferoli e carotenoidi.
Benefici per il cuore
Le olive sono contengono grassi monoinsaturi sani che aiutano a ridurre i livelli di colesterolo LDL, colesterolo "cattivo" che ostruisce le arterie e aumenta il rischio di malattie cardiache.
L'estratto di ulivo acerbo ha dimostrato di possedere l'attività di blocco dei canali del calcio, ritenuta responsabile della sua efficacia nei disturbi cardiovascolari come l'ipertensione .
In soggetti diabetici sono utili nel migliorare i livelli di glicemia nel sangue.




Previene l'osteoporosi:
Le olive hanno la capacità di migliorare la densità minerale ossea, la forza biomeccanica.
Questo beneficio è dato dai polifenoli dell'oliva che aumentano la proliferazione dei pre-osteoblasti, la differenziazione degli osteoblasti e riducono la formazione di cellule simili agli osteoclasti.

Le olive nere prevengono il di cancro ed hanno elevato potere antiossidante
Come altri frutti e verdure, le olive nere sono ricche di antiossidanti, in particolare polifenoli, vitamina E e beta carotene, che possono proteggere le cellule dal danno ossidativo.
I polifenoli di oliva catturano i radicali liberi prevenendo così malattie come cancro, invecchiamento, infiammazione e aterosclerosi. Gli estratti di oliva contengono il 73,25% di acido maseanico e il 25,75% di acido oleanolico, che potenzialmente hanno un'attività chemiopreventiva del cancro
Prevengono la formazione delle rughe
I polifenoli di oliva inoltre migliorano la salute della pelle, prevenendo il danno ossidativo legato alla formazione di rughe e altri disturbi quali la secchezza cutanea e l'iperproliferazione.

Effetti sul sistema gastrointestinale
L'estratto di ulivo ha attività lassativa e antidiarroidea  grazie a componenti colinergici e bloccanti i canali del calcio.
Inoltre le fibre presenti nelle olive nere  rallentano la digestione mantenendo i livelli di zucchero nel sangue e  hanno un effetto saziante. Inoltre riduce la stitichezza aumentando i movimenti intestinali.

Effetti su malattie croniche e degenerative
Hanno anche effetti protettivi dell'olivo contro le malattie croniche e degenerative sono attribuiti ai componenti del biofenolo, in particolare all'idrossitirosolo .

Azione inibente la crescita microbica
Grazie agli acidi oleuropeina, vanillico e p- coumarico, le olive nere possono  inibire la crescita di alcuni batteri, come Escherichia coli , Klebsiella peneumoniae e Bacilluscereus.


Se si vuole avere una fonte di olive pronta da poter consumare giornalmente senza eccedere la polvere di olive nera è perfetta da accompagnare ad una grande varietà di cibi.

Polvere di olive nere: ricetta, conservazione e utilizzi

La ricetta della polvere di olive nere, molto semplice da realizzare in casa e perfetta per dare un tocco particolare ai nostri piatti. Ottima sulla carne, sul pesce e perfino sull'insalata: non vi resta che dare animo all'immaginazione.
I consigli per un'ottima essiccazione
Il procedimento è molto semplice: dopo aver lavato le olive nere ed averle private del nocciolo, disponetele su di una teglia ricoperta da carta forno. Successivamente infornatele a 80º per circa 4 ore, fino a quando non risulteranno completamente asciutte e grinzose.
Per la cottura della polvere di olive nere, è meglio usare un forno ventilato poiché l'azione dell'aria aiuta ad asciugare più in fretta il cibo. In alternativa alla cottura in forno, possiamo anche asciugare le olive nere al sole, tenendo conto che in questo caso, il processo potrebbe richiedere anche 24 ore.
Macinatura, conservazione e impieghi
A questo punto, non ci resta che inserire le nostre olive nere dentro un frullatore, avendo cura di dare brevi colpi. In caso contrario, queste potrebbero rilasciare il loro olio, ottenendo così un paté al posto di una polvere. La ricetta della polvere di olive nere è, oltre che di facile realizzazione, piuttosto agevole dal punto di vista della “conservazione”. Infatti la polvere ottenuta, va messa in un comune contenitore ermetico, riposta in frigorifero e consumata entro 6 mesi. L'utilizzo ideale? Provatela sul branzino cotto in forno, sul pollo o sull'insalata di radicchio rosso. Il vostro palato ringrazierà.















Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…