Passa ai contenuti principali

Paura del dentista? Non più!

La paura del dentista - del tutto irrazionale e immotivata - è in verità un problema abbastanza diffuso e non legato solamente all'età infantile. Brutti ricordi, esperienze negative (dirette o raccontate da altri) e clichet possono infatti accumularsi nel nostro subconscio sino a sviluppare una certa diffidenza o, nei casi più gravi, una vera e propria fobia. A prescindere dal fattore scatenante, la riluttanza ad affidarsi alle cure di questo professionista può avere serie conseguenze sulla condizione psicofisica della persona.
Chi sviluppa la vera e propria odontofobia (così si chiama la paura del dentista, vera e propria patologia) al solo pensiero di sottoporsi a cure dentistiche avverte un opprimente senso di angoscia ed accusa i classici sintomi di natura ansiosa quali tachicardia, eccessiva sudorazione, tremore, alterazione delle percezioni ed accelerazione del respiro.
dentista



In questi casi, trattandosi di uno stato patologico vero e proprio, il soggetto può aver bisogno del supporto psicologico di un professionista per affrontare i necessari (e talora improcrastinabili) interventi dentistici.
Ma anche nei casi meno gravi, quando cioè il soggetto non presenta uno stato propriamente fobico avvertendo solo un certo disagio e una modesta sensazione di ansia/agitazione, è necessario fare i conti con la propria paura e superarla. Chi infatti tende ad evitare il più possibile il dentista, di solito ricorre ad una serie di comportamenti molto nocivi per la propria salute, che possono comportare nel tempo anche effetti abbastanza gravi.
In genere, chi ha paura di sottoporsi a cure dentistiche, tende a non effettuare i necessari controlli e le raccomandate visite periodiche, così trascurando lo stato di salute dei propri denti e rivolgendosi al professionista solo quando avverte dolore. Ne consegue
che il paziente, col tempo, dovrò sottoporsi ad interventi invasivi e costosi, che ben avrebbero potuto essere evitati con una corretta prevenzione. Non solo.
Spesso per evitare di rivolgersi al dentista, si cerca di tenere sotto controllo i sintomi (ivi compreso quello più evidente, il dolore) sostituendo la cura dentale con un palliativo, ovvero l'assunzione di farmaci antinfiammatori e analgesici che non solo non risolvono il problema ma, a lungo andare, fanno male all'organismo.
E' quindi estremamente importante superare riserve e paure e rivolgersi allo studio dentistico con regolarità, sia per le visite di controllo sia ai primi sintomi di qualsivoglia problema dentale.
Per raggiungere questo obiettivo, è possibile ricorrere ad una serie di accorgimenti a tecniche utili:
· informati sui vantaggi di una corretta igiene orale casalinga nonché sulle modalità e i benefici della pulizia dei denti effettuata dal dentista nel proprio studio;
· visualizza esperienze ed immagini positive, anche mediante la discussione con amici e conoscenti, focalizzando l'attenzione sul fatto che la visita odontoiatrica non si accompagna necessariamente al dolore o ad un intervento invasivo;
· se l'ansia è troppa, concorda eventualmente una prima visita di controllo meramente esplorativa, nella quale il professionista si limiti a verificare lo stato di salute del cavo orale e a discutere degli eventuali interventi necessari;
· informati sulle modalità e sull'efficienza dei sistemi di anestesia e sedazione disponibili, in modo da fare tuo il concetto che è possibile eliminare del tutto la sintomatologia algica sia durante gli eventuali interventi sia una volta fatto ritorno a casa.
In ogni caso, fondamentale per fugare ogni dubbio o paura, è la scelta del professionista cui affidarsi.
In tutta Italia è possibile trovare diverse strutture con un bravo dentista a Roma, un dentista a Milano, a Napoli o dentista a Prato, in cui è possibile  avere garanzie di professionalità e competenza.
Tra le strutture è meglio affidarsi a specialisti del settore che offrono trattamenti  indolori, soprattutto se ci si rivolge a bambini e a chi vive l'esperienza con particolare preoccupazione.
In uno studio competente troveremo diverse specialità come: impiantologia, endodonzia, diagnostica, igiene orale, odontoiatria, ortodonzia, protesi, sbiancamento, chirurgia muco gengivale e piezolettrica, in alcuni casi eseguiti con sedo analgesia e sedazione cosciente.
Non bisogna quindi avere più paura del dolore dal dentista, perché ormai le tecniche di anestesia moderne permettono di non avere più timore di curare una carie o di estrarre un dente.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…