Passa ai contenuti principali

Dermatite Atopica: Cosa fare?

dermatite
La dermatite atopica altrimenti nota come eczema è un disturbo cutaneo cronico che consiste in eritemi squamosi e pruriginosi.
Colpisce le pelli particolarmente sensibili sia degli adulti che dei bambini. Si tratta di una patologia che una volta insorta può perdurare anche per molto tempo e che va opportunamente curata.
La dermatite atopica è dovuta a una reazione cutanea simile a un'allergia che causa un'infiammazione prolungata della pelle.
La maggior parte delle persone con dermatite atopica presenta anche una carenza di determinate proteine importanti per la superficie della pelle la quale agisce in funzione difensiva rispetto agli agenti esterni. L'individuazione tempestiva di una terapia adeguata è di fondamentale importanza al fine di mantenere inalterata la funzione di barriera esercitata dalla pelle la quale agisce da scudo impedendo che la pelle si irriti.

Indicazioni utili al trattamento della dermatite atopica

All'insorgere di una dermatite atopica occorrerà prestare attenzione a non sollecitare ulteriormente l'area interessata dall'infiammazione. Sarà importante, specialmente nei bambini, evitare che la parte di pelle infiammata subisca graffi o urti e nel caso in cui la dermatite fosse accompagnata da episodi di prurito è di basilare importanza non cedere alla tentazione di sfregare la zona infiammata.
Per tale motivo si consiglia (ad ogni modo è sempre bene recarsi dal proprio medico di base o dermatologo) di applicare immediatamente soluzioni lenitive quali ad esempio gel di aloe vera puro.
Si tratta di un rimedio naturale in grado di idratare la pelle e attenuare la sensazione di bruciore e prurito. In alternativa è possibile applicare eventuali altre creme contenenti steroidi topici e sempre dietro prescrizione medica.
In alcuni casi sarà necessario assumere degli antistaminici per via orale, specie se in compresenza di fenomeni allergici.
In ambito di antistaminici è bene sapere che possono causare sonnolenza ma recentemente sono stati immessi nel mercato nuovi farmaci che hanno risolto questo fastidioso effetto collaterale, tra questi ricordiamo i farmaci a base di Fexofenadine, Loratadina e Idrossizina.
Nella maggior parte dei casi è indicato abbinare alla cura antistaminica anche una crema protettiva con funzione riparatrice. Quest'ultima servirà da coadiuvante atto a ricostituire la normale superficie della pelle e la barriera evidentemente compromessa dall'irritazione.
Nel caso in cui i sintomi peggiorassero o se dovessero manifestarsi segni di infezione quali febbre o arrossamento con dolore, si consiglia di rivolgersi immediatamente al proprio medico per la prescrizione di esami medici più approfonditi.

Prendersi cura della propria pelle: un impegno quotidiano

I soggetti colpiti da dermatite atopica dovrebbero mettere in atto una serie di accorgimenti quotidiani al fine di agevolare una migliore gestione dell'affezione oltre che per fini preventivi e per facilitare una più rapida guarigione.
Un elemento da non sottovalutare è l'alimentazione. In linea di massima si sconsiglia l'assunzione contemporanea di cibi quali uova, latte, pomodori e crostacei. Per quel che concerne l'igiene personale è raccomandabile usare detergenti delicati o saponi naturali. I bagni brevi e più freschi sono meglio dei bagni caldi e prolungati.
Non strofinare o asciugare la pelle troppo a lungo e non esercitare eccessiva pressione.
Dopo il bagno è importante applicare creme, lozioni o unguenti lubrificanti sulla pelle ancora bagnata.
In fatto di abbigliamento prediligere maglie in cotone o in tessuto morbido e leggero e bandire dal proprio guardaroba indumenti sintetici che potrebbero provocare sudore e peggiorare lo stato della dermatite in atto.













Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…