Passa ai contenuti principali

Come aiutare un bambino dislessico

Trattare la dislessia infantile richiede molta dedizione e sforzo, non soltanto da parte del soggetto interessato ma anche dei genitori e degli insegnanti. Ciò è dovuto al fatto che in molti dei casi, la patologia in questione si manifesta con una riduzione della capacità di lettura e dell' apprendimento.
Aiutare bambino dislessico
Ma allora, come possiamo aiutare un bambino dislessico a superare le sue specifiche lacune e difficoltà?
Sebbene al giorno d'oggi non sia possibile guarire definitivamente la dislessia, esistono diverse tecniche che possono essere utilizzate per migliorare (fra le altre cose) l'orientamento spaziale e temporale, la coordinazione motoria e il linguaggio del bambino dislessico. In linea di principio, si tratta di insegnargli a leggere, a scrivere e a comprendere il contenuto del testo, sempre nel rispetto del suo ritmo di apprendimento.

Promuovere la sua fiducia

Per aiutare un bambino con dislessia è essenziale innanzitutto migliorare la sua autostima. In parole molto semplici, egli deve poter contare sulle sue abilità per poter raggiungere gli obiettivi proposti. E 'ciò che nel campo della Psicologia vine definito "effetto Pigmalione". Se il bambino si sente incapace di superare gli ostacoli, quasi certamente non avrà mai successo. Al contrario, se egli è motivato e fiducioso, è molto probabile che svilupperà le sue abilità di alfabetizzazione.

Pianificare lo studio secondo le sue possibilità

La maggior parte dei genitori e delle maestre adoperano gli stessi metodi d'insegnamento utilizzati per il resto degli studenti, trascurando il fatto che la dislessia imponga un ritmo diverso di apprendimento. In questo modo il bambino dislessico non viene aiutato a superare le sue difficoltà, al contrario, si corre il rischio di aggravare la sua condizione. Pertanto, quando si affronta una realtà così delicata come quella della dislessia, è estremamente importante adattare le attività accademiche alle caratteristiche personali del bambino e dunque, alle sue carenze.

Correggere un errore alla volta

Uno degli errori più frequenti nel trattamento della dislessia infantile è cercare di correggere tutti gli errori contemporaneamente (specialmente nella lettura). Questa strategia non fa altro che rendere frustrato e confuso il bambino. Inoltre, si tenga presente che non è opportuno correggere nuovi errori se prima non sono stati superati quelli precedenti.
Rafforzare i buoni progressi compiuti
Aiutare un bambino dislessico significa anche consolidare i suoi sviluppi e avanzamenti. Spesso, i genitori e gli insegnanti si concentrano sugli errori dimenticando i successi. Tuttavia, rafforzare il progresso accademico e lodare il figlio ogni volta che riesce ad appropriarsi di nuovi contenuti è un incentivo fondamentale per l'apprendimento. Per elogiare non è necessario ricorrere a doni, una frase di plauso come "Sono molto orgoglioso di te", sarà più che sufficiente.






Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…