Passa ai contenuti principali

Attacchi di Ansia le cause e le cure

Spesso si confondono quelli che sono attacchi di panico con gli attacchi di ansia. Si tratta di condizioni differenti.
I primi accadono improvvisamente, si manifestano con una paura intensa e spesso travolgente. Sono accompagnati da sintomi fisici spaventosi, come battito cardiaco accelerato, mancanza di respiro, senso di soffocamento, paura di una morte imminente. L'ultima edizione del Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali (DSM) riconosce gli attacchi di panico e li classifica come inaspettati o previsti.
Ansia stress
Gli attacchi di panico si verificano senza una causa apparente e sono generati da fattori di stress esterni, stati psicologici o fobie .
Gli attacchi di ansia non sono riconosciuti nel DSM che li definisce come una caratteristica di una serie di disturbi psichiatrici comuni. I sintomi dell' ansia includono preoccupazione, angoscia e paura. L'ansia è solitamente correlata all'anticipazione di una situazione stressante, esperienza o evento. Potrebbe arrivare gradualmente, differentemente dal panico che invece è improvviso.

A cosa serve capire la differenza?

La mancanza di riconoscimento diagnostico degli attacchi di ansia significa che i segni e i sintomi sono aperti all'interpretazione. Cioè, una persona può descrivere di stare vivendo un "attacco d'ansia" e avere sintomi che nessun'altro ha mai sperimentato. E' importante comprendere la differenza per scoprire le cause che andranno sviscerate di fronte ad uno psicoterapeuta.
L'ansia è tipicamente correlata a qualcosa che viene percepito come stressante o minaccioso. Gli attacchi di panico non sono sempre causati da fattori di stress, e il più delle volte si verificano inaspettatamente.
L'ansia può essere lieve, moderata o grave e potrebbe presentarsi mentre svolgi le tue attività quotidiane. Gli attacchi di panico invece si manifestano con sintomi gravi e dirompenti, più intensi di quelli d' ansia.
Gli attacchi di panico in genere scatenano preoccupazioni legate alla paura di vivere di nuovo questi momenti terribili. Ciò potrebbe avere un impatto molto forte sul comportamento futuro, che ne soffre tenderà quindi ad evitare di vivere quella situazione in cui si ritiene a rischio di altro attacco. Ad esempio se abbiamo avuto una grave crisi quando eravamo in mezzo a tanta gente, si tenderà ad evitare di frequentare luoghi affollati.
Gli attacchi di panico inaspettati non hanno trigger esterni chiari, ovvero non si capisce in maniera chiara cosa li possa scatenare. Alcune cause possiamo rintracciarle:
  • un lavoro che genera stress
  • un lutto
  • una malattia
  • fobie, come l' agorafobia (paura degli spazi affollati o aperti), la claustrofobia (paura dei piccoli spazi) e l'acrofobia (paura delle altezze)
  • ricordi di esperienze traumatiche
  • droghe o alcool
  • farmaci

Fattori di rischio


Ansia e attacchi di panico hanno fattori di rischio simili. Questi includono:
  • stare vivendo o aver vissuto dei traumi da bambini o da adulti
  • la morte di una persona cara
  • conflitti di famiglia
  • predisposizione genetica
  • avere una personalità ansiosa
  • avere un altro disturbo di salute mentale, come la depressione
  • abusare di droghe o alcool
  • le donne sono più predisposte agli attacchi di ansia

La diagnosi

non c'è un test specifico, ma un bravo psicoterapeuta da individuarla, potrà comunque prescrivere
  • un esame fisico
  • analisi del sangue
  • un test del cuore, come un elettrocardiogramma (ECG o ECG)
  • una valutazione psicologica o un questionario

Farmaci antidepressivi

Soltanto un psicoterapeuta o medico e non uno psicologo può prescrivere farmaci. Ci sono almeno sei tipi principali (classi) di antidepressivi. Ad esempio, gli antidepressivi triciclici, gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina, gli inibitori della ricaptazione della serotonina e della norepinefrina, gli inibitori della ricaptazione della noradrenalina e della dopamina, gli inibitori delle monoaminossidasi e gli antidepressivi atipici. Ogni tipo ha un'azione leggermente diversa su specifici neurotrasmettitori, come la serotonina, la dopamina o la norepinefrina. Gli effetti collaterali differiscono anche tra le diverse classi.





Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica. In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare. Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche. Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi  La Gliosi è una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti. La gliosi non è però così rara. In realtà molte volte la risonanza magnetica eviden

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa , potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi. Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza. Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale . A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta, prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas. Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale

Gamma GT alti: come abbassarlo?

CHE COSA SONO LE GGT E COSA SIGNIFICA GGT La parola Gamma-glutamil transferasi (GGT) è un enzima che appartiene alla classe delle trasferasi ed è situato sulla superficie esterna delle membrane di varie cellule.   La localizzazione del gene che trascrive per la gamma gt si trova nel cromosoma 22. La Gamma Gt catalizza la reazione di transpeptidazione con formazione di un dipeptide contenente l'aminoacido trasportato, reazione che fa parte del ciclo del gamma-glutamile. La GGT  è una glicoproteina dimerica ed è presente in tutte le cellule, ad eccezione degli eritrociti.   La GAMMAGT si trova  principalmente dal fegato, e nei tubuli renali, così come quelli della fosfatasi alcalina. L'attività della gammagt avviene principalemente in tessuti con funzione secretoria   funzione assorbente come reni, sistema biliare, intestino e epididimo .   La scissione di glutatione-principale antiossidante tiolo nell'uomo-è la più importante funzione del GGT .  Il glutation