Passa ai contenuti principali

Perdita di capelli e alopecia? La colpa potrebbe essere dell'intolleranza al glutine o della celiachia

Sono tantissimi i sintomi legati alla celiachia ma forse uno tra i meno noti è l'Alopecia da celiachia.
Ebbene si anche un'intolleranza al glutine o la celiachia,  possono portare ad una perdita di capelli e questo sintomo non sempre viene correlato alla malattia.
L'alopecia da glutine è anche chiamata Alopecia areata, perchè la perdita di capelli è dovuta ad una malattia autoimmune.
Che sia calvizia maschile o calvizia femminile, l'alopecia areata potrebbe manifestarsi anche in età precoce,calvizia, giovanile, e si può presentare con aree circolari in testa e a volte come calvizie totali e raramente presentarsi come alopecia universale, con totale mancanza di peli in tutto il corpo.
Anche in bambini piccoli si può presentare alopecia giovanile se la celiachia non viene trattata precocemente.
Una dieta senza glutine potrebbe permettere la ricrescita dei capelli, ma non sempre questo accade in tempi brevi.
A differenza dell'alopecia androgenetica, che si verifica nel 70% degli uomini e 40% delle donna, l'Alopecia areata è dovuta ad una produzione di autoanticorpi che attaccherebbero i follicoli piliferi del nostro corpo, con distruzione degli stessi causando così perdita di capelli.

 Qual'è quindi il legame tra celiachia ed alopecia?




Spesso la celiachia potrebbe non manifestarsi con sintomi tipici e per tale motivo non venire trattata.
Una delle domande che ci si pone quando si è celiaci è cosa succede se la celiachia non viene trattata.
La risposta è che potrebbe verificarsi un aggravamento dei sintomi e tra questi la perdita di capelli, fino ad arrivare ad una alopecia universale.

Infatti, la celiachia è dovuta ad una distruzione dei villi intestinali con conseguente malassorbimento di alcune vitamine importanti per la crescita dei capelli e carenza di vitamine.

Compensando la crescita di vitamine, i capelli dovrebbero ricrescere.
Ma la celiachia è causata da una produzione di autoanticorpi, e spesso le malattie autoimmuni sono correlate ed è possibile che si sviluppi una seconda malattia autoimmune in cui il corpo produce autoanticorpi contro il follicolo pilifero, causando eccessiva perdita di capelli e quindi l'alopecia areata.


L'alopecia di solito inizia nell'infanzia e colpisce entrambi i generi allo stesso modo ma purtroppo, soltanto nel 50% circa dei casi di alopecia associati a celiachia, vi è una risposta favorevole dell'alopecia alla dieta aglutinata.
Se la celiachia non viene trattata, insieme all'alopecia potrebbero presentarsi altri sintomi, come la presenza di alterazioni degli annessi cutanei,fragilità delle unghie, perdita di capelli, capelli fragili e secchi,  e potrebe essere dovuta a  carenze di alcuni minerali come  ferro e  zinco.

I test specifici per la celiachia sono gli anticorpi antiendomisio ed antitransglutaminasi di classe IgA e IgG, anche se gli anticorpi antigliadina non sono considerati più specifici per la diagnosi di celiachia in quanto possono risultare positivi anche senza celiachia o intellaranza al glutine e perché chiunque introduce glutine, anche se non affetto da celiachia, può in maniera più o meno evidente sviluppare una risposta anticorpale verso la gliadina.
Solo dopo la positività agli anticorpi, il medico farà sottoporre ad una biopsia intestinale.
Ci sono dei test in farmacia per verificare l'intoleranza al glutine, anche se sono test prelimnari che necessiteranno di una conferma in un laboratorio di analisi.
Altre cause di alopecia potrebbero essere ipotiroidismo, intolleranza al lattosio e alla caseina.

ALIMENTAZIONE E ALOPECIA



Se la causa dell'alopecia è determinata dalla celiachia si dovrà rivolgere ad un dietologo che imporrà una dieta priva di glutine .
Se invece l'a perdita di capelli è dovuta ad una intollenza al glutine, bisognerà ridurre il consumo di glutine preferendo carni bianche, legumi pesci ed uova e riducendo al minimo il consumo di insaccati.
Importante è inoltre l'introduzione di vitamine, in particolar modo la vitamina D, o in casi di carenza di ferro e zinco( accertati dopo un'analisi), si devono assumere questi minerali.
Altri consigli sono utilizzare  il burro crudo e l'olio di fegato di merluzzo e fibre di cheratina che possono migliorare lo stato di salute del capello.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…