Passa ai contenuti principali

Dolore addominale destro ricorrente: quale può essere la causa?

L'addome è suddiviso in quattro  quadranti è in base alla zona in cui è localizzato il dolore potremo avere diversi tipi di dolore


Nell'addome destro, dall'alto verso il basso troviamo:
  • Fegato 
  • cistifellea
  • Colon ascendente
  • Intestino tenue
  • Ceco
  • Appendice
In generarale se il dolore è nella parte alta avremo un dolore all'ipocondrio destro, nella parte centrale la regione lombare destra e nella parte sottostante regione iliace destra


Sintomi

Il dolore addominale nella regione in alto a destra può essere percepito in diversi modi come bruciori sensazione di peso e coliche
A volte sentiamo il dolore al lato destro dell'addome come dolori simili a fitte e a volte spasmi
bruciori sensazioni di peso coliche e a volte alla palpazione l'addome risulta dolorante.
Altre sensazione che possono accompagnare l'algia addominale sono senso di tensione, gonfiore addominale, accompagnati da una perdita di regolarità nell'evacuazione alternando periodi di stitichezza a periodi di scariche diarroichea e talora insieme potremo avvertire nausea ed inappetenza.
Ma vediamo quali possono essere le cause che spiegano questa varietà di sintomi

QUALI SONO LE CAUSE DEL DOLORE ADDOMINALE?

A volte il dolore all'addome destro potrebbe essere una addominalgia ndd, cioè con diagnosi non definita e nonostante tanti esami potremo non avere una dianosi certa che possa spiegare questi fastidi all'addome.
Una delle prime cause da indagare per il dolore addominare destro è la sindrome del colon irritabile che è dovuto sia allo stress che alla nostra alimentazione e a volte secondaria allo stress.
E' infatti la distensione gassosa del colon dovuto al gas che fa distendere le pareti intestinali che si ripercuote o in tutta la parete addominale.
La malattia peptica è invece una patologia multifattoriale causata dalla secrezione acida dello stomaco e dalla pepsina, l' enzima che idrolizza le proteine.
Una patologia poco conosciuta e non sempre considerata è la colecistopatia non litiasica che è una disfunzione della colecisti che non riesce a svuotarsi completamente e dà dolore dopo il pasto, insieme a tensione addominale, inappetenza e nausea.
Anche la duodenite, infiammazione del duodeno(porzione dell'intesino tenue) può dare i sintomi correlati al dolore addominale destro.
La sindrome della flessura epatica è una distensione addominale causata da gas intestinale che si estende nella flessura destra del colon.
Un'altra causa del dolore addominale basso destro associato a gonfiore potrebbe essere una intolleranza alimentare.
Se il dolore addominare è accompagnato da feci nere con riflessi rossi e maleodoranti, comunemente chiamate melana, si potrebbe sospettare una emorragia gastrica o duodenale è quella che solitamente causa la presenza di feci nere ( melena) .
Il dolore addome e schiena, accompagnati da nausea ed inappetenza e gonfiore, potrebbe essere causato da un ispessimento della  colecisti o dalla presenza di calcoli alla colecisti.
Anche il reflusso biliare,l'irritazione della mucosa gastroduodenale da parte della bile, potrebbe essere responsabile dell'algia addominale.
Se questo dolore si presenta insieme a febbre potrebbe trattarsi di colangiti, infezione delle vie biliari dovuta a processi batterici o alla colecistite con o senza ostruzione, in base alla presenza o meno di ittero.
Se si ha dolore all'addome quando si respira la causa potrebbe essere un'ernia iatale.
In un uomo il dolore addominale e alle basse vie urinarie potrebbe essere indice di infiammazione o congestione della prostata.
Invece contrariamente a quanto si può pensare i polipi non causano dolore.

Sarà l'appendicite infiammata?

Un dolore addominale al basso ventre destro, nella fossa iliaca destra, che si accentua quando si cammina potrebbe essere sintomo di appendicite.
In questi casi se si prova a premere la zona dolente si potrebbe notare dolore al rilascio della mano; questo potrebbe far sospettare un'appendicite in corso e ci si deve rivolgere al medico.
Se poi questo dolore è accompagnato da i seguenti sintomi dovremo recarci il prima possibile dal medico ed effettuare le analisi del sangue:
  • nausea
  • vomito
  • febbre
  • diarrea
  • stipsi
  • gonfiore addominale
  • scarso appetito

Quali esami fare?

Per valutare il dolore addominale destro potremo eseguire diversi esami.
Prima di tutto verranno eseguiti gli esami del sangue: emocromo completo,ves, bilirubina transaminasi,ricerca del sangue occulto fecale, PCR, creatinina, esame elettroforetico, urea, esame urine chimicofisico e piastrine.
 In seguito potrebbe essere richiesta dal medico curante una  ecografia dell' addome superiore che permetterà di visualizzare fegato, vie biliari Intra ed extra a epatiche,colecisti pancreas milza e reni
Il Clisma opaco è una metodica a raggi X che grazie ad un mezzo di contrasto permetterà di esaminare il colon.
L'ecografia epatobiliare con test di bronner sarà utile per evidenziare la colecistopatia non litiasica.
Altro esame da effettuare è l'endoscopia che permetterà di valutare meglio gli organi interni


Terapia
Se la causa del dolore addominale è dobvuta ad un alimentazione sbagliata dovremo intervenire modificando l'alimentazione eliminando i cibi con  un indice glicemico troppo alto.Se invece la causa è il colon irritabile dovremo ridurre il meteorismo usando prodotti a base di simeticone e carbome vegetale.
Il medico potrebbe prescrivere dei farmaci per permettere il completo svuotamnto intestinale ed altri farmaci che riducono l'infiammazione intestinale.
L'appendicite acuta va sempre trattata in abito chirurirgico per evitare che diventi purlenta e si possa incorrere in una peritonite.
In ogni caso prima di prendere qualsiasi decisione consultate il vostro medico.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica. In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare. Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche. Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi  La Gliosi è una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti. La gliosi non è però così rara. In realtà molte volte la risonanza magnetica eviden

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa , potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi. Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza. Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale . A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta, prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas. Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale

Gamma GT alti: come abbassarlo?

CHE COSA SONO LE GGT E COSA SIGNIFICA GGT La parola Gamma-glutamil transferasi (GGT) è un enzima che appartiene alla classe delle trasferasi ed è situato sulla superficie esterna delle membrane di varie cellule.   La localizzazione del gene che trascrive per la gamma gt si trova nel cromosoma 22. La Gamma Gt catalizza la reazione di transpeptidazione con formazione di un dipeptide contenente l'aminoacido trasportato, reazione che fa parte del ciclo del gamma-glutamile. La GGT  è una glicoproteina dimerica ed è presente in tutte le cellule, ad eccezione degli eritrociti.   La GAMMAGT si trova  principalmente dal fegato, e nei tubuli renali, così come quelli della fosfatasi alcalina. L'attività della gammagt avviene principalemente in tessuti con funzione secretoria   funzione assorbente come reni, sistema biliare, intestino e epididimo .   La scissione di glutatione-principale antiossidante tiolo nell'uomo-è la più importante funzione del GGT .  Il glutation