Passa ai contenuti principali

Appendicite cronica, i segni per riconoscerla


Dieta appendicite
Alcune volte i dolori all'addome destro potrebbero rivelarsi come qualcosa di più grave come un'appendice infiammata, che potrebbe essere un'appendicite cronica.
L'opinione medica è divisa sulla esistenza o meno dell'appendicite cronica ma se volessimo definirla, definiremmo  l'appendicite cronica come un'appendicopatia in forma subacuta causata da un'infiammazione o una fibrosi di lunga data dell'appendice che presenta clinicamente come dolore addominale prolungato o intermittente che dura più di 48 ore.
La diagnosi di appendicite cronica può essere impegnativa e può causare complicazioni quali infezioni intraabdominali o ostruzione o perforazione intestinale. 
Per questo l' appendicite cronica è una condizione medica difficile da diagnosticare .
L'appendicite cronica potrebbe trovarsi  in posizione retrocecale ma questo non cambierà nulla sulla diagnosi e il trattamento.

Vediamo i sintomi dell'appendice cronica e come curarla.

APPENDICITE CRONICA E ACUTA



A volte è difficile distingure l'appendicite cronica da quella acuta perchè i sintomi sono molto simili e se l'appendicite cronica non viene diagnosticata in tempo potrebbe evolvere in appendicite acuta.

I sintomi dell'appendicite cronica sono sintomi simili all'appendicite acuta , ma sono dolori più lievi che però perdurano nel tempo e talvolta scompaiono per riapparire a distanza di un tempo più o meno breve.
L'infiammazione dell'appendice è comunemente caratterizzata da un iniziodi dolore acuto ombelicale che migra nel quadrante inferiore destro ed è associato a febbre, anoressia, nausea, vomito, letargia, marcatori infiammatori elevati, segno di Blumberg positivo.

L'appendicite si presenta con forti ed improvvisi  dolori che si intensificano nell'arco di 24-48 ore, invece l'appendicite cronica si presenta con dolori di più lieve intensita ma più duraturi.

SINTOMI

I sintomi dell'appendicite cronica non sempre sono evidenti ma sono comunque accompagnati dal dolore addominale destro, che si estende nel quadrante addominale inferiore destro.
Il dolore può essere presente con o senza febbre.
Il dolore è generalmente localizzato in fossa iliaca destra e talvolta  si estende alla gamba destrà e può( non sempre)essere accompagnato da febbre, nausea e/o vomito, alvo chiuso a feci e gas, diarrea a volte alternata a stitichezza,e nell'emocromo risulterà sempre un aumento dei globuli bianchi.
Il dolore potrebbe essere pulsante ed estendersi dalla fossa iliaca destra fino allo stomaco e non sempre il dolore è molto forte.



LE CAUSE

La causa dell'apendicite cronica è spesso dovuta ad una infiammazione o  ostruzione dell'appendice.
Altre possibili cause di appendicite cronica includono:
  • liquido nella zona circostante l'appendicite
  • accumulo di materia fecale
  • tumori
  • follicoli ingrossati
  • trauma
Quando è presete un'ostruzione( che è parziale in caso di appendicite cronica) o un'infiammazione nell'appendice, i batteri possono crescere e moltiplicarsi.

DIETA APPENDICITE CRONICA

L'unica vera cura per l'appendicite è il digiuno, almeno per il primo giorno e bere abbondante acqua ed introdure per 3 giorni mezzo litro di acqua calda.
In seguito mangiare solo cibi ad alto contenuto di fibre includono cereali integrali, ma senza condimento, verdure e frutta, succhi di frutta.
Dopo qualche giorno di dieta molto ristretta, e ovviamente tutto sotto controllo medico, è possibile inserire carni bianche e magre, come pollame e cracker.
Possono essere utili succhi di barbabietole e cetrioli.
Ovviamente evitare cibi altamente complessi e fritti csì come caffè ed alcolici.

DIAGNOSI

Importante per non falsare la diagnosi medica non assumere farmaci antispastici(come buscopan o spasmex) che potrebbero nascondere un attacco di appendicite acuta che va subito trattata .
La diagnosi di appendicite cronica può essere difficile e si basano su un esame fisico da parte del medico seguito un' analisi del sangue e da un'ecografia completa dell'addome.
L'ecografia all'addome destro è un'indagine diagnostica che permette di valutare dimensioni dell'appendice ed eventuali ostruzioni e versamenti che potrebbero confermare la dignosi di appendicite cronica.

Se non è appendicite cosa può essere?

Alcune condizioni che condividono simili sintomi con l'appendicite cronica e che il medico potrebbe cercare di escludere, includono:dist,rbi gastrointestinali,Morbo di Crohn,colite ulcerosa,infezione del tratto urinario,infezione al rene,sindrome dell'intestino irritabile,cisti ovariche,malattia infiammatoria pelvica

Trattamento

A volte il medico potrebbe prescrivere un'antibioticoterapia per trattare l'appendicite cronica
Il trattamento più comune per l'appendicite cronica è comunque un'appendicectomia , che è la chirurgia per rimuovere l'appendice.
Poichè l'appendice non ha alcun ruolo  nel nostro corpo,( alcuni studiosi credono che sia solo un residuo del nostro passato evolutivo), toglierla non causerà alcun problema al nostro corpo , se non il fastidio e i rischi di un intervento chirurgico.

Le complicanze più comuni di appendicite cronica includono:

 Se l'infiammazione cronica dell'appendice non viene curata potrebbero insorgere delle complicazioni.
UNa delle prime complicazioni è che l'appendicite da cronica diventi appendicite acuta che deve essere trattata con urgenza.
Altre complicazioni sono la formazione di perforazione o ascessi, la sepsi e la peritonite , chedeve immediatamente essere trattata.



È facile confondere l'appendicite cronica con altri problemi medici. Tuttavia, è importante ottenere la giusta diagnosi per evitare che possa degenerare.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…