Vitamina D o Calciferolo

La Vitamina D appartiene alla famiglia degli steroli ed è definita vitamina antirachitica.
La vitamina D viene prodotta in molte forme, ma le  due principali sono la vitamina D2 (ergocalciferolo) e la vitamina D3 (colecalciferolo) ; quando parliamo di  vitamina D comprendiamo sia la D2 che la  D3.

Quali sono le funzioni della vitamina D?

  • Regola l'assorbimento di calcio e fosforo nell'intestino
  • regola i livelli plasmatici di calcio
  • regola la mineralizzazione dello scheletro
La funzione biologica della vitamina D è quindi quella di mantenere le concentrazioni di calcio e fosforo sierici all'interno del range di normalità, migliorando l'efficienza dell'intestino di assorbire questi minerali dalla dieta . 
Quando l'assunzione di calcio nella dieta è inadeguata a soddisfare il requisito calcio del corpo, la vitamina D, insieme con l' ormone paratiroideo (PTH), mobilita le cellule staminali  nel midollo osseo, per diventare osteoclasti maturi che a loro volta permettono la mobilitazione di riserve di calcio dall'osso, che si depositano nell'osso come idrossiapatite di calcio.

Qual'è il fabbisogno giornaliero di vitamina D?

Il fabbisogno giornaliero è garantito dall'esposizione solare ed è definito dalla RDA(Recommended Daily Allowance
Tratto da http://www.my-personaltrainer.it/integratori/integratori-vitamina-d1.html
) ed è pari a 400 UI.

Assunzione di vitamina D da integratori alimentari e nutrienti è espresso in unità internazionali (UI) o microgrammi (mcg).


Quali sono le principali fonti di Vitamina D?

La vitamina D si trova in pochissimi alimenti .
Gli alimenti che contengono vitamina D sono: olio di fegato di merluzzo, tonno e altri pesci come aringa, salmone, sardine , latte e suoi derivati,  e le uova da galline
L'esposizione solare è una fonte importante per l'assunzione di vitamina D; infatti la pelle dei vertebrati fotosintetizza la vitamina D, grazie all'azione dei raggi ultrvioletti.
Al contrario, l'eccessiva esposizione ai raggi solari provoca una fotodegradazione di previtamina D3 e vitamina D3, con lo scopo di prevenire una intossicazione da eccessivo dosaggio di vitamina D3.
E' comunque bene far giocare i bambini al sole, in orari idonei, per permettere una maggiore sintesi di tale vitamina.
Nell'organismo esiste un deposito di vitamina D nel grasso e nel fegato dove viene metabolizzata.


Carenza Vitamina D: Rachitismo e Osteomalacia

Una carenza di vitamina D sembra avere un impatto negativo in diversi organi come: cervello, cuore, pancreas, cellule mononucleate, linfociti attivati, e la pelle.

La carenza di vitamina D causa Rachitismo nel bambino con  mineralizzazione inadeguata dello scheletro e Osteomalacia nell'adulto.

Sintomi rachitismo

Deficit di crescita, letargia, irritabilità,  predisposizione alle infezioni delle vie respiratorie durante l'infanzia, bassa statura,disbasia, ritardo nello sviluppo,convulsioni, difetto di crescita o deformità, dolore delle ossa, lassità delle articolazioni e deformazioni precoci degli arti, sono tutti sintomi di rachitismo.

Cause rachitismo:

Oltre alla mancanza di assunzione di vitamina D (soprattutto nei bambini allattatii al seno), e alla mancata esposizione alla luce solare, può essere presente una predisposizione genetica alla mancanza di vitamina D dovuta un difetto nei geni che codificano o per la produzione di un enzima necessario per la vitamina D o un difetto nel gene che codifica per il recettore per la vitamina D( vitaminarachitismo D-resistenti o ipofosfatemica familiare)

Il rachitismo può essere causato anche da  da malattie renali (renaleosteodistrofia) o da sindromi di malassorbimento come la malattia celiaca e la fibrosi cistica.
Sintomi Osteomalacia
Debolezza muscolare, dolore osseo, fragilità ossea negli anziani Il trattamento per l’osteomalacia si basa sul controllo del dolore e la la somministrazione della vitamina D.

L'eccessiva assunzione causa invece emorraggie dell'apparato digerente, ipercalcemia, nefrocalcinosi, calcificazioni delle arterie.



Meccanismo biochimico  derivato dalla carenza di vitamina D


La carenza di vitamina D provoca una diminuzione del calcio ionizzato nel sangue, che a sua volta porta ad un aumento della produzione e secrezione di PTH(paratormone) .
Il PTH stimola la mobilizzazione del calcio dallo scheletro, impedisce  la perdita a livello renale di calcio,causa un aumentata escrezione renale di fosforo. 
Così, la carenza di vitamina D è caratterizzata  sia bassi livelli sierici di calcio e di fosforo ed elevato PTH
Il PTH elevato porta ad un aumento della distruzione del tessuto scheletrico dovuto alla liberazione del calcio da parte delle ossa al fine di aumentare i livelli plasmatici di calcio.
 Sembra inoltre possibile che la carenza di vitamina D sia associata ad un aumentato rischio di tumori del colon, della mammella, della prostata.
 

Quando è possibile una carenza di vitamina D?

La carenza di vitamina D può essere correlata non solo alla mancata assunzione dietetica ma anche a degli stati fisiologici/patologici dell'organismo umano.
Ad esempio negli anziani diminuisce la capacità della pelle di sintetizzare vitamina D;
In pazienti con malassorbimento intestinale come l'insufficienza epatica grave, morbo di Crohn, la malattia di Whipple, è presente carenza di vitamina D


I neonati di età compresa tra 0 a 6 mesi possono ottenere solo la vitamina D dal latte materno della madre ,dal latte artificiale, o integratori. 
Dato che il latte umano ha ben poco di vitamina D, i neonati allattati al seno non hanno una quantità adeguata di vitamina D .La vitamina D a disposizione del bambino durante i primi 6 mesi di vita dipende inizialmente sulla stato della vitamina D della madre durante la gravidanza e in seguito l'esposizione del bambino alla luce solare e la dieta.
E' quindi necessaria un'assunzione esterna di vitamina D, principalmente nei bambini allattati al seno.
A causa della bassa esposizione alla luce solare, neonati ei bambini piccoli che vivono in latitudini settentrionali lontani sono ad alto rischio di sviluppo di rachitismo I bambini di età compresa tra 1 e 18 anni e la maggior parte degli adulti ottiene una parte del loro fabbisogno di vitamina D grazie all'esposizione alla luce solare. 

Una adeguata assunzione di vitamina D e calcio per tutta l'infanzia, può ridurre il rischio di osteoporosi, nonché altriprocessi di malattia di lunga latenza che sono stati associati con stati da carenza di  vitamina D  negli adulti.
La vitamina D negli adulti sembra svolgere  anche un ruolo nelle difese immunitarie
e sembra essere un fattore protettivo per losviluppo di patologie del sistema immunitario come la sclerosi multipla o l' artrite remautoide.





Bibliografia 

  • Prevention of Rickets and Vitamin D Deficiency in Infants, Children, and Adolescents(Carol L. Wagner, MD, Frank R. Greer, MD, and the Section on Breastfeeding and Committee on Nutrition
  • Rickets: Not a Disease of the Past LINDA S. NIELD, M.D., West Virginia University School of Medicine, Morgantown, West Virginia