Passa ai contenuti principali

INFERTILITA' MASCHILE ED ALIMENTAZIONE

INFERTILITA' ED ALIMENTAZIONE

Intanto diamo una definizione di infertilità:
Si definisce infertilità la mancanza di concepimento dopo 12 mesi di rapporti non protetti e con frequenza adeguata.
 In passato si riteneva che la maggiore causa di infertilità fosse dovuto solo alla donna; si è invece scoperto che almeno nel 50% dei casi la causa di infertilità è dovuta all'uomo.
Una corretta prevenzione dell'infertilita' deve partire dall'attenzione verso l'ambiente e da stili di vita consoni e rispettosi dell'organismo. 
L'ambiente e lo stile di vita influiscono sull'infertilità maschile.
 Per questo è importante richiamare una maggiore attenzione sulla prevenzione.
 Già dall’infanzia educare i figli ad una corretta alimentazione, può aiutare a preservare la  loro fertilità.
Sono diversi i fattori che portano ad una maggiore riduzione della motilità degli spermatozoi, ma oggi ci concentreremo in particolar modo sull'alimentazione e la formazione dei radicali liberi.
Per quanto riguarda l’alimentazione l’assorbimento di alcune sostanze che si accumulano durante il metabolismo, attraverso complicati meccanismi, può influenzare il sistema ormonale, interferire con la maturazione degli spermatozoi ed infine favorire l’infertilità maschile.
Inoltre per evitare questo problema bisognare semplicemente mangiare cibo di”qualità”( frutta verdura, pesce etc); infatti il cibo spazzatura potrebbe favorire l’infertilità danneggiando lo sperma
Il cibo spazzatura, apporta grandi quantità di calorie in assenza di nutrienti di rilievo perchè ricche di grassi di idrogenati
In particolar modo sarebbero gli oli e i grassi trans utilizzati per questo tipo di alimenti, sia nella fase di preparazione che di cottura, a danneggiare lo sperma.
Molta attenzione va rivolta anche all’aumento del peso corporeo, soprattutto neigiovani e nei bambini: l'obesità ed il sovrappeso determinano un innalzamento della temperatura fisiologica dei testicoli che può portare a conseguenze negative sulla qualità degli spermatozoi, influenzando la fertilità.
 Anche un aumento dei radicali liberi dovuti ad uno scorretto stile di vita può aumentare la probabilità di infertilità.Nel maschio, se la presenza dei radicali liberi non e' equilibrata dalle naturali difese antiossidanti si puo' verificare un danno cellulare a livello del seme. Una fisiologica fertilita' maschile e' fondamentale per contribuire alle probabilita' di concepimento naturale.
Le alterazioni piu' frequenti sono una ridotta qualita' del liquido seminale spesso derivante dagli effetti dannosi dello stress ossidativo.

Oltre ai fattori di rischio legati a patologie specifiche, esistono diverse condizioni che possono incidere sulla funzionalita' e sul numero degli spermatozoi: 

  • condizioni lavorative che espongono a radiazioni, ad aumenti di temperatura, a sostanze tossiche o a microtraumi, 
  • esposizione ad agenti inquinanti prodotti dal traffico urbano,
  •  fumo di sigaretta, stili di vita non sempre salutari
  •  un’alimentazione non equilibrata.
Attraverso una corretta alimentazione, in particolare mangiando costantemente frutta e verdura che contengono antiossidanti e migliorando il nostro stile di vita ne avremo diversi benefici tra cui la diminuzione dei radicali liberi, la diminuzione del peso corporeo, ma anche una maggiore probabilità di concepimento.

Post popolari in questo blog

Gliosi aspecifica: risultato risonanza magnetica

Sono tante le sintomatologie che ci portano ad eseguire una risonanza magnetica.


In seguito ad un dolore neuropatico, in seguito ad una debolezza o a formicolii degli arti, in seguito a continui e ripetuti mal di testa, il neurologo potrebbe prescriverci un Risonanza Magnetica Nucleare.
Spesso nella risonanza magnetica non si evidenzia niente, e per tale motivo si dice che la risonanza è pulita, ma può capitare che nella risonanza vi sia scritto: esiti gliolitici o presenza di microlesioni aspecifiche.

Queste lesioni gliotiche o  piccole aree di alterato segnale(iperintense o ipotense) sono o non sono preoccupanti? Intanto vediamo cos'è la gliosi
 La Gliosiè una cicatrice che si evidenzia a livello dell'encefalo( ed è per questo che si parla di gliosi cerebrale) , nella sostanza bianca ed è dovuta ad un evento traumatico che provoca a sua volta la proliferazione degli astrociti.

La gliosi non è però così rara.
In realtà molte volte la risonanza magnetica evidenzia queste aree d…

Sensazione pallina dura ano: saranno emorroidi o un trombo emorroidario?

Spesso in seguito ad una pallina dura all'ano non dolorosa, potremmo rivolgersi al nostro medico pensando al peggio, come un tumore all'ano; ma gran parte delle volte si tratta di semplici emorroidi.


Le emorroidi anche chiamati nodulo emorroidario, gozzo emorroidario, fanno parte della normale anatomia anorettale ed hanno un ruolo importante nel meccanismo della continenza.
Le emorroidi contribuiscono, insieme agli altri componenti del sistema neuromuscolare dell’ano, al complesso meccanismo della continenza fecale.
A riposo le emorroidi si riempiono di sangue e agiscono come valvola assorbendo le variazioni della pressione addominale che si verificano quando un individuo quando si sforza, tossisce o starnuta,
prevenendo così la perdita involontaria di feci e gas.
Quindi le emorroidi sono delle strutture normalmente presenti nel canale anale che hanno funzione di continenza, e  la loro fuoriuscita è dovuta ad un prolasso della mucosa rettale verso il basso. Tale prolasso vie…

Linfonodo inguinale ingrossato: quando preoccuparsi

I linfonodi sono unità anatomiche e funzionali del sistema linfatico,posti lungo il decorso dei vasi linfatici e svolgono un ruolo importante nell'elaborazione della risposta immunitaria.

Essi drenano da distretto a distretto  e si ingrossano nei vari distretti in seguito ad un'infezione.
Alcuni linfonodi si trovano in sedi profonde e altre in sedi più superficiali; queste possono essere palpabili se sono ingrossate.
I linfonodi inguinali si trovano nella zona inguinale e sono più difficili da palpare rispetto a quelli di zone più superficiali come il collo.

I linfonodi inguinali appartengono a due gruppi:  gruppo nodo orizzontale e  gruppo nodo verticale.
Essi drenano dalla zona addominale inferiore, regione lombare, genitali esterni, canale anale e glutei, vagina ed arti inferiori.
Quindi quando i linfonodi inguinali diventano reattivi, cioè reagiscono ingrossandosi può essere dovuto ad infiammazione di uno di questi distretti.
I linfonodi inguinali superficiali si trov…